Cos’è la disfunzione erettile

By 8 aprile 2015 Per saperne di più
impotenza e disfunzione erettile

La disfunzione erettile, spesso chiamata anche impotenza viene definita come “l’incapacità del soggetto di sesso maschile di raggiungere e/o mantenere un’erezione sufficiente a condurre un rapporto soddisfacente”. Questo vuol dire che o l’erezione non viene raggiunta oppure non viene mantenuta; quindi o la mancata erezione non permette la penetrazione oppure viene ostacolata la possibilità di portare a termine un rapporto sessuale completo.

La causa della disfunzione erettile può essere di natura organica e quindi legata ad esempio a: diabete, cause neurologiche, insufficienza venosa, congestione perlvica, etc..
Esclusi eventuali aspetti patologici di natura organica tale disfunzione può essere legata a fattori di tipo psicologico. In questi casi, preoccupazioni, stress, stati depressivi, ansia, frequenza dei rapporti sessuali, rappresentano alcuni degli elementi che concorrono all’inibizione della risposta erettile. Tale esperienza, se vissuta ripetutamente genera stati emozionali negativi quali sensazione di fallimento, abbassamento dell’autostima, idea negativa di se stessi e questi a loro volta generano quella che viene definita ansia da prestazione. A questo punto sarà proprio l’ansia da prestazione a far perdurare il problema nella vita sessuale della persona. Essa farà in modo che i processi disfunzionali si reiterino nel tempo; così l’ansia, insieme alle tentate soluzioni e ad altre variabili specifiche vanno a rafforzare il problema e la sua presenza nella vita della persona, della coppia. 

Eliminata con certezza la componente fisiologica è buona norma individuare le situazioni nelle quali si presenta il problema.
L’erezione è presente durante la masturbazione? Ho l’erezione spontanea al mattino? In quali circostanze non ho l’erezione? Il problema, che frequentemente si fonda sul vissuto personale della persona, persiste nella misura in cui le azioni che essa compie, il suo modo si fronteggiare la situazione, i pensieri che stanno intorno al problema, si configurano come disfunzionali e tendono ad alimentare il problema piuttosto che portare verso la sua estinzione.

Cosa si può fare in queste situazioni?

Dal punto di vista psicologico, il disagio e/o le difficoltà personali, interpersonali, di coppia, che tale problema può generare possono essere affrontate in un percorso con uno psicologo o psicoterapeuta.
Spesso un percorso breve può essere sufficiente per riportare nella persona e nella coppia uno stato di serenità e soddisfazione legate alla vita sessuale e migliorare l’immagine di sé che soprattutto nell’uomo può essere stata messa in crisi dal vissuto negativo legato all’incapacità di soddisfare la propria partner o di vivere un rapporto sessuale completo.