Disturbi d’ansia: fobia sociale

By 11 marzo 2015 Per saperne di più
Affrontare e superare l'ansia e la fobia sociale

La fobia sociale è un tipo di fobia generalizzata quindi non rivolta ad un oggetto specifico. Si parla di fobia sociale quando la persona si sente perseguitata, maltrattata, mal giudicata da altre persone che conosce o che non conosce. Nel primo caso essa sviluppa una rabbia tale da decidere in alcuni casi di evitare il contatto, in altri di arrivare allo scontro. Nel secondo caso la persona sperimenta su se stessa sentimenti persecutori, giudicanti, da parte di qualsiasi individuo incontrato nei posti più disparati. Anche in questo secondo caso le strategie che sceglie sono l’evitamento o la ricerca dello scontro.

Quando parliamo di fobia sociale, ci riferiamo sostanzialmente a una credenza che la persona trasforma in realtà attraverso i propri comportamenti, agiti con la convinzione di non piacere agli altri, di essere giudicata negativamente, di non essere trattata come merita e così via.

La paura iniziale, che si consolida nel tempo diventando fobia sociale, è quella di non piacere agli altri, di essere giudicati, di essere derisi. Tale paura porta la persona a evitare le situazioni sociali in cui potrebbe sperimentare tali sensazioni e i diversi evitamenti concorrono a cristallizzare le credenze che la persona ha riguardo quello che gli altri pensano di lei.

Chi sperimenta tale tipo di fobia prova una forte ansia in tutte le situazioni sociali, ha paura di fare “una brutta figura”, non vede l’ora che quel momento finisca, si sente imbarazzato, impacciato e ha paura che queste sensazioni vengano colte da chi ha intorno che poi procederà a esprimere il suo giudizio negativo.

La fobia sociale, in quanto disturbo d’ansia, è spesso accompagnata da quelli che vengono definiti i “classici” sintomi d’ansia: tremore, battito cardiaco accelerato, aumento della sudorazione, tensione muscolare, sudorazione delle mani, tremore di mani e gambe, confusione, etc… Nei casi più intensi la paura del giudizio negativo degli altri può portare a dei veri e propri attacchi di panico.

Non dimentichiamo che l’ansia anticipatoria, la vergogna, il timore di vergognarsi, il timore di essere giudicati negativamente, l’imbarazzo, il senso di umiliazione, sono emozioni che possono provare tutti.

Cosa succede nelle persone che convivono in ogni momento con la fobia sociale?

Nella loro vita tali stati emotivi sono esasperati, sono così elevati e invalidanti da ostacolare il normale svolgimento della vita quotidiana.

Quali rimedi per la fobia sociale?

Anche in questo caso, come accennato nell’articolo “disturbi d’ansia: attacchi di panico”, e “disturbi d’ansia: fobie specifiche” è consigliato un percorso con uno psicologo o psicoterapeuta che possa accompagnare la persona a riappropriarsi della propria vita e in questo caso specifico delle proprie relazioni sociali quotidiane.